Come traslocare mobili

Trasloco: come trasportare i mobili

Nell’organizzazione del trasloco, come trasportare i mobili è una questione sempre molto delicata.

Infatti, ogni mobile deve essere smontato, imballato e trasportato con attenzione per poi essere nuovamente rimontato nella nuova casa. Questo oltre ad impacchettare piatti, bicchieri, libri e tutti gli altri oggetti.

Per questo se si hanno molti mobili ingombranti può essere più semplice affidarsi a dei professionisti per evitare di perdere troppo tempo o di rischiare di rovinare qualche elemento.

Ma a chi affidare il trasporto dei mobili è un’altra storia. Vediamo insieme come prendere tutte queste decisioni nel miglior modo possibile e quali sono i passaggi da pianificare.

Pianifica il trasloco punto per punto

La parte di pianificazione è fondamentale. Devi iniziare a farlo immediatamente ed evitare di ridurti all’ultimo minuto.

Infatti, per poter chiamare in causa degli aiuti, professionali o meno, dovrai avere ben chiaro cosa ti serve e quando.

Molte di queste azioni dipendono infatti dalla quantità di mobili, dal loro ingombro e dalla distanza che dovrai percorrere.

Fai una lista delle cose da fare per il trasloco

La tua prima mossa per organizzare il trasloco è fare una lista dettagliata delle cose da fare.

Puoi aiutarti ponendoti queste domande:

  • Quanti mobili porterò nella casa nuova?
  • Quali saranno i primi mobili che dovrai smontare?
  • Quali mobili andranno trasportati per primi?
  • Quali elementi andranno per ultimi nel furgone?
  • Quali mobili andranno rimontati una volta arrivati e in che ordine?

Nel caso di un piccolo trasloco potrà sembrarti esagerato, ma è l’unico modo per organizzare al meglio questa fase del trasloco e avere ben chiaro come trasportare i mobili da una casa all’altra.

Decidi cosa tenere e cosa metterai in deposito

Per poter compilare la tua lista di cose da fare, dovrai innanzitutto capire se i mobili che hai dovranno venire tutti con te nella nuova casa o se ce ne sono alcuni di cui vuoi sbarazzarti.

Alcuni probabilmente saranno diretti in discarica, mentre altri vorrai portarli ma in un secondo momento e quindi dirigerli verso un deposito.

A questo riguardo ti sarà utile sapere che esistono dei professionisti nello smaltimento di mobili e che se lo desideri potrai rivolgerti a loro per risparmiare tempo prezioso.

Se hai dei mobili che devono essere valutati da un antiquario oppure se ci sono ancora lavori in corso nel nuovo appartamento, potresti voler ricorrere ad un deposito mobili. In questo modo saprai che i tuoi mobili sono al sicuro e potrai recuperarli quando ti servono.

Smonta i mobili e imballa ogni pezzo

Il passo successivo per organizzare il trasloco dei tuoi mobili è di smontare ogni singolo pezzo, seguendo le istruzioni e imballarli al meglio. Per farlo dovrai riunire tutti i pezzi insieme ed imballarli in un unico blocco, in modo che non vadano persi e che siano subito a disposizione per quando dovrai rimontarli.

Organizzali per tipologia di mobile e presta attenzione alla minuteria. Potrai riporre viti, bulloni e rondelle in piccoli sacchetti da conservare insieme al resto del mobile.

Non è possibile far entrare i mobili all’interno di scatoloni, ma potrai comunque proteggerli utilizzando materiale per imballaggio, come ad esempio:

  • Polistirolo.
  • Pluriball.
  • Nastro isolante.
  • Spago da imballaggio.
  • Angoli di cartone rigido.

Soprattutto questi ultimi sono molto utili perché durante il trasloco e il trasporto proteggono gli spigoli del legno o di qualunque materiale delicato.

Perché scegliere una ditta per il trasloco

Soprattutto se devi traslocare molti mobili ingombranti, il ricorso ad un aiuto professionale risulta essere la soluzione più efficiente.

Ma che tu voglia fare il trasloco da solo o affidarti a qualcuno, ecco i punti fondamentali a cui dovrai pensare.

Innanzitutto, avrai bisogno di competenze specifiche per imballare nel modo appropriato, oltre a smontare e rimontare i mobili senza danni.

In secondo luogo, sarà importante avere a disposizione l’attrezzatura adeguata. Se abiti ad un piano elevato e devi trasportare mobili ingombranti ci sarà bisogno di un montacarichi o di un elevatore. Per questo motivo sapere che la ditta di traslochi ne ha a disposizione uno ti renderà la vita molto più facile.

L’ultimo punto è il furgone adibito al trasporto. I mobili, anche se smontati, occupano molto spazio e richiedono quindi un mezzo di trasporto idoneo.

Per tutti questi motivi spesso è più semplice affidarsi ad una ditta specializzata che si occuperà di tutto questo per te.

Come trasportare i mobili in un trasloco

Dimentica l’improvvisazione. Per trasportare in modo efficace i mobili in fase di trasloco, dovrai organizzare bene e per tempo.

Nella migliore delle ipotesi avrai bisogno di un furgone, di materiale di imballaggio e di sapere come montare e smontare mobili.

Se tutto questo ti sembra troppo gravoso, potrai facilmente ricorrere ad una ditta specializzata in traslochi che ti faciliterà la vita.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *